fbpx

Il CoVid-19 sta mettendo a dura prova oltre che le nostre vite in quanto cittadini Italiani, anche le nostre visioni in quanto trader e investitori, questo ormai è appurato.

 

In giro c’è chi già lo paragona alla crisi del 2008, chi addirittura dice che sia molto peggio, ma prima di trarre conclusioni affrettate dovremmo iniziare a capire come stanno affrontando la questione sul piano finanziario su larga scala le maggiori banche centrali mondiali, perché sarebbe proprio da loro che dovrebbero partire gli aiuti più grandi che si rifletteranno sulla  popolazione.

 

Negli Stati Uniti la FED (Federal Reserve) si è trovata con un buon margine di manovra a causa dei tassi a 1.75% e di fatti la scorsa settimana ha abbassato questi stessi di 0.50 bps (non si vedeva un taglio simile dal 2008) per stimolare l’economia e sostenere i mercati finanziari.

 

Non si può certo dire lo stesso dell’Europa, infatti la BCE del vecchio continente si trova attualmente con le spalle al muro e in una situazione più vulnerabile per effettuare una manovra simile, a causa dei tassi d’interesse già molto bassi, per via delle precedenti stimolazioni monetarie effettuate.

 

L’ultimo intervento della BCE risale al 2 Marzo dove Christine Lagarde ha in sostanza detto che la BCE sta monitorando la situazione e le implicazioni che ne conseguono da vicino e che sono pronti a prendere misure preventive appropriate ai rischi che i vari stati stanno correndo.

 

Nessuna mossa ma solo tante parole rassicuranti per ora da parte della Banca Centrale Europea che come ho precedentemente scritto ha dei margini di manovra molto limitati per via dei tassi d’interesse più bassi tra le principali banche centrali. Da questo nasce anche il forte apprezzamento dell’Euro nelle ultime settimane.

 

La FED, come già anticipato, ha tagliato invece i suoi tassi improvvisamente il giorno 3 Marzo e si vocifera che si stiano preparando per un ulteriore taglio, visto che questo primo è stato interpretato nel breve termine dai mercati come un “taglio di paura” e quindi non sta dando l’effetto desiderato.

 

Altro taglio improvviso quello di Mercoledì’ 11 Marzo, della BoE (Bank of England) che senza preavviso si è riunita e ha fatto uscire la notizia dell’abbassamento dei tassi da 0.75% a 0.50%. Anche qui 50 bps di taglio netto e questo sembrerebbe dirla tutta sulla preoccupazione dello stato d’oltremanica. Il comunicato ufficiale riassume le motivazioni di questo abbassamento improvviso con “A seguito della diffusione del Covid-19, gli asset di rischio e i prezzi delle commodities sono scesi in modo sostenuto e i tassi dei bond governativi hanno testato minimi record, a fronte di un possibile forte deterioramento verso il rischio e dell’outlook relativo sia alla crescita del Regno Unito che globale” aggiungendo poi che “gli indicatori che misurano l’incertezza presente sui mercati finanziari hanno raggiunto livelli estremi”.”

 

La BoC (Bank of Canada) ha anch’essa seguito i passi della FED tagliando i suoi tassi da 1,75% a 1,25% ma purtroppo il fenomeno che sta trascinando il Petrolio (Oil) sul fondo dei mercati ha fortemente deprezzato per correlazione la valuta Canadese.

 

Altra banca a seguire le orme delle due precedenti è stata la RBA (Reserve Bank of Australia) che nella prima settimana di Marzo ha prontamente tagliato i suoi tassi passando da 0,75% a 0,50% per stimolare l’economia del paese e adeguarsi alle altre Banche Centrali.

 

I nuovi incontri di politica monetaria saranno il 12 Marzo per la BCE e il 18 Marzo per la FED (non si escludono incontri a sorpresa) e nel nostro gruppo Slack seguiranno aggiornamenti sulle decisioni di politica monetaria, quindi rimani connesso.

 

AGGIORNAMENTO BCE 12 MARZO 2020👇

L’incontro di Politica Monetaria della BCE si è concluso con la decisione di lasciare invariati i tassi già allo 0.00%. Gli organi monetari si sono organizzati per effettuare un nuovo Quantitative Easing al fine di combattere la pandemia che sta colpendo quasi la totalità degli stati Europei. La nuova manovra di immissione di liquidità rappresenta semplicemente un estensione della precedente, infatti la BCE continuerà a stampare Euro per tutto l’anno a ritmo di altri 120 miliardi. In tandem con questa manovra è stato varato anche un nuovo piano di TLTR (Targeted Longer-Term Refinancing Operation) mirato proprio al sostentamento delle piccole e medie imprese che soffriranno più di tutte la crisi e a cui dovrebbe aspettare il compito arduo di sostenere le economie dei paesi del vecchio continente. Tra la maggioranza degli investitori e gli analisti è subito venuto in superficie dello scetticismo, poiché si considerano manovre “non abbastanza forti” per arginare il grave fenomeno che stiamo vivendo, in ogni caso vedremo come i mercati reagiranno nel medio termine e sopratutto se la BCE dovrà mettere mano di nuovo al rapporto di politica monetaria per modificarne i provvedimenti.

 

AGGIORNAMENTO 16 MARZO 2020 👇

Apertura serale scoppiettane con un meeting di emergenza che ha scaturito il taglio dei tassi d’interesse per la FED di 1.00 bps passando da 1.00% a 0.25%.
Varato anche il nuovo piano di iniezione di liquidità (quantitative easing) di 700 miliardi per contrastare il fenomeno ormai noto.

Altro taglio improvviso anche per il NZD di 0.75 bps passando da 1.00% a 0.25%.

 

AGGIORNAMENTO 19 MARZO 2020 👇

La BCE torna in campo e in un consiglio straordinario notturno lancia un nuovo programma di quantitative easing “pandemico”. Denominato PEPP (Pandemic emergency purchase programme) ha una potenza da 750 miliardi e durerà indicativamente “fino a fine epidemia” ma più nello specifico è stato varato per tutta la durata del 2020. Nella notte, Christine Lagarde ha deciso di mettere in campo questo nuovo strumento (uguale al precedente ma con più potenza nella liquidità) per contrastare gli effetti del CoVid-19 ed ha ribadito che l’impegno della BCE per l’area Europea sarà illimitato. Dopo le critiche ricevute dai paesi di mezza Europa (sopratutto Italia) per lo scarso impegno, finalmente sembra essere stata varato un provvedimento all’altezza della situazione, staremo a vedere gli sviluppi nelle prossime settimane.

Riunione straordinaria per la BoE tenutasi oggi a causa dell’emergenza coronavirus, dove si è deciso di ridurre il tasso d’interesse dallo 0,25% allo 0,10%.
Si tratta della seconda riduzione nel giro di pochi giorni, poiché la BoE aveva già tagliato di mezzo punto il tasso la scorsa settimana, portandolo allo 0,25% dallo 0,75% precedente. Accresciuto anche il piano di acquisto titoli (Quantitative easing) di circa 200 miliardi di sterline per fronteggiare gli spauracchi del CoVid-19.

 

AGGIORNAMENTO 23 MARZO 2019 👇

Come scritto in precedenza la Fed aveva indicato un tetto limite di 700 miliardi di Dollari per le operazioni di sostentamento economiche relative al CoVid-19.
Con una nuova mossa a sorpresa la Banca Centrale americana è tornata, di nuovo, sui suoi passi ed ha deciso di tornare in campo con un approccio ancora più aggressivo per sostenere il paese. Proprio per questo fra le nuove direttive fresche di oggi, ci sono gli acquisti ILLIMITATI di Treasury e di altri titoli. Ovvero la possibilità di un quantitative easing illimitato.